In evidenza

Beni, est del Congo: violenza senza fine contro i civili 

Beni, est del Congo: violenza senza fine contro i civili 

Beni, est del Congo: violenza senza fine contro i civili

Beni, è la seconda città per importanza della Provincia del Nord-Kivu, estremo est della Repubblica Democratica del Congo. È la base di partenza per i visitatori del Parco del Virunga, famoso per i suoi gorilla di montagna. Ma in questi ultimi tempi i media si sono occupati di Beni per altri motivi. Anzitutto per l’epidemia di Ebola, che, dopo aver seminato 2.250 morti, sembrava finita, e invece è ripartita lo scorso 10 aprile. E poi per le inondazioni di fine maggio che hanno lasciato senza abitazione 50.000 persone.
Ma nei giorni scorsi Beni e la Provincia del Nord Kivu hanno attirato l’attenzione dei media per motivi ben più gravi: l’aumento dei massacri di civili e delle atrocità commesse da milizie e esercito. Per prima ha lanciato l’allarme la Procuratrice della Corte Penale Internazionale, la gambiana Fatou Bensouda, che il 3 giugno ha fatto una severa dichiarazione: “Sono profondamente preoccupata per i numerosi rapporti che segnalano un aggravamento delle violenze nell’est del Congo. Questi rapporti parlano di assassini e mutilazioni perpetrati nei confronti di civili, compresi numerosi bambini: rapimenti, esecuzioni sommarie e extragiudiziali, stupri, saccheggi, incendi e distruzione di proprietà private. Questi atti potrebbero costituire reati che cadono sotto la competenza della Corte Penale Internazionale”.

leggi tutto
INCONTRO ON LINE LAICI MISSIONARI – SUAM

INCONTRO ON LINE LAICI MISSIONARI – SUAM

Il 16 maggio è stato vissuto con molta gioia l’incontro dei Laici Missionari SUAM.
Il motivo di questo incontro è di condividere la nostra situazione e cammino in questo tempo del covid-19,
ritrovarci dopo l’incontro nazionale avvenuto a Roma nel giugno 2019, e di continuare il sogno e cammino
come rete di laici missionari a livello nazionale. I Laici Missionari SUAM, che hanno preso parte alla
videoconferenza, hanno espresso chiaramente il desiderio di continuare a sognare la Missione e di volerlo
fare insieme, guardandosi intorno, leggendo gli effetti di questa pandemia, senza far cadere gli occhi, e con
essi il cuore, nell’indifferenza. Tutte le realtà laiche missionarie, in tempo di lockdown, hanno avvertito la
stessa necessità: continuare a sentirsi comunità e non orfani di questa. Nonostante tutto, con creatività ed
ingegno tecnologico, esse hanno favorito il superamento di ogni confine, varcando, attraverso la rete, le
mura domestiche che ci hanno protetto dal virus, per entrare, in punta di piedi, nelle terre di missione.
Nessun ardore missionario si è spento, in nessuna realtà, anzi c’è tanto desiderio di andare
coraggiosamente avanti e perseguire l’obiettivo di dar voce alla MISSIONE insiemeo

leggi tutto

DIREZIONE

P. Gaetano Cazzola
Presidente

Briseida Cotto Ayala
Segretaria

P. Giorgio Padovan 

Segretario SUAM

Fr. Antonio Soffientini

Coordinatore GPIC

Una marcia all’insegna del disarmo

Una marcia all’insegna del disarmo

Si chiede che il parlamento voti per far aderire l’Italia al Trattato di messa al bando delle armi nucleari. E al governo di smetterla di vendere armi all’Arabia Saudita. Dito puntato sulle politiche migratorie e solidarietà a Mimmo Lucano. Nel chiedere a tutti di...

leggi tutto

Conosci le nostre realtà

Edizione 2017

Circa 15 mila persone sono state coinvolte tra il 12 e il 15 ottobre. Testimonianze, riflessioni, incontro con autori, spettacoli e naturalmente celebrazioni. Fondamentale la collaborazione del Centro Missionario di Brescia.

Edizione 2021

Si sta lavorando per organizzare la seconda edizione del Festival. Probabilmente sarà ancora a Brescia ma il programma non è stato ancora definito.  CIMI, Missio e CMD di Brescia stanno studiando le possibilità.

Come tutto è cominciato

4 istituti si sono messi insieme per lavorare con gli immigrati.

Le poesie di Segen

Quando il dramma dell’immigrazione diventa poesia.

A Pozzallo stanno salvando il mondo

P. Alex Zanotelli riceve a Pozzallo la Palma della Pace .

Il Decreto Sicurezza divide la chiesa

La stessa spaccatura che c’è nella società la si ritrova anche nella chiesa.

 

Dal 1973 gli Istituti Missionari sono insieme in questo progetto editoriale che cerca di mantenere vivo lo spirito missionario nella chiesa e nella società italiana.  Pubblica libri, organizza eventi, realizza mostre, fa conoscere importanti autori italiani e stranieri cercando di promuovere la cultura dell’apertura, del dialogo, dell’accoglienza e della solidarietà.

È stata costituita la Nuova EMI, che si ripropone sul mercato editoriale con nuovi soci, nuove prospettive e nuove modalità di intervento e impegno nel panorama missionario italiano. Dopo 50 anni, il marchio viene rilanciato e si afferma come una bella novità da seguire con interesse e passione.

Nel corso del 2018 in tutto il mondo sono stati uccisi quaranta missionari, quasi il doppio rispetto all’anno precedente. Ricordare questo è un dovere di gratitudine per tutta la Chiesa e uno stimolo a testimoniare con coraggio la nostra fede e la nostra speranza in Colui che sulla Croce ha vinto l’odio e la violenza .

Lo Spirito faccia di voi dei costruttori di ponti tra gli uomini. Là dove il Signore vi ha mandati, possiate contribuire a far crescere una cultura dell’incontro, essere al servizio di un dialogo che, nel rispetto delle differenze, sa trarre ricchezza delle diversità degli altri

Papa Francesco

Il Sinodo per l’Amazzonia che si svolgerà a Roma a ottobre focalizzerà temi di interesse per tutta la chiesa, soprattutto l’ambiente e il servizio ministeriale in comunità povere. 

P. Ezechiele Ramin, comboniano, ucciso in Brasile nel 1985. Continua vivo nel cuore di tanta gente. È in corso la causa di beatificazione .

Testimonianze di chi ha partecipato al Festival della Missione , nella sua prima edizione del 2017. Si aspetta di ritrovarsi in un prossimo appuntamento.

LE NOSTRE RIVISTE